Seleziona la lingua

Italian English French German Greek Portuguese Spanish

Non dimentichiamoci dei Rokes, il gruppo beat guidato dal carismatico Shel Shapiro che vendette oltre 5 milioni di dischi negli anni 60/70 PDF Stampa E-mail
Mercoledì 18 Luglio 2018 19:38

 

 

I piacevoli zazzeruti di matrice britannica ebbero un grande successo in Italia grazie a canzoni memorabili come È la pioggia che va e C'è una strana espressione nei tuoi occhi, spesso con testi di Mogol

 

 

 

Bobby, Mike, Shel, Johnny, i Shel Carson Combo" poi diventati Rokes (da "rake" rastrello), devono gran parte della loro fortuna a Teddy Reno, che, dopo averli notati al festival degli sconosciuti di Ariccia  ne diventa il produttore lanciandoli con un pezzo cult come C'è una strana espressione nei tuoi occhi, versione in italiano di When You Walk in the Room, scritta dalla cantautrice statunitense Jackie DeShannon  ma portata al successo dai Searchers. Da allora per  i quattro Beatles italiani, dall'accento accattivante e dalle chitarre a freccia Eko, si aprono le porte del Piper club e pure quelle del cinema, raggiungono un grande successo grazie a due canzoni cover di successi stranieri: Che colpa abbiamo noi (versione in italiano di Cheryl's Going Home di Bob Lind, con testo di Mogol) ed È la pioggia che va, (versione in italiano di Remember the Rain di Bob Lind) , che arriverà prima in classifica nelle vendite dei 45 giri. Il retro, Piangi con me, viene tradotto in inglese dai The Grass Roots, e con il titolo di Live for Today  ed entra  addirittura in classifica negli Stati Uniti. Risulta vincente il loro timbro musicale dolce, melodioso, quasi signorile ed in Italia, a quei tempi in piena fibrillazione esterofila, non c'era niente di simile.

A seguire, nel 1966, i Rokes vincono il  premio"Cantastampa" con il brano "Che mondo strano" di Sergio Modugno; l'anno seguente partecipano al Festival di Sanremo con Bisogna saper perdere, in coppia con Lucio Dalla, ottenendo nuovamente un notevole successo di vendite. Eccola di nuovo, versione in italiano di Here Comes My Baby di Cat Stevens, entra nella testa degli italiani grazie ad un ritornello particolarmente allegro ed orecchiabile. Molti consensi, di vendite e di pubblico, anche per Cercate di abbracciare tutto il mondo come noi,  brano dal sapore dei figli dei fiori e dell'amore universale. In quegli anni i sondaggi tra le nuove generazioni li indicano come i più amati dai giovani che amano i raduni all'insegna di pace, amore e rock.

L'ultimo brano degno della loro storia è Lascia l'ultimo ballo per me (versione in italiano di Save the Last Dance for Me), poi un graduale allontanamento dalla scena, inclusivo di una terza partecipazione a Sanremo, assolutamente nè trionfale nè significativa, con Ma che freddo, fa in coppia con Nada. Shel  Shapiro resta nel mondo musicale, dedicandosi sia alla carriera di  cantautore che a quella di produttore e riesce a mietere nuovi successi anche con uno spettacolo teatrale. Anche gli altri componenti continuano a più riprese a muoversi nei vari ambiti dell'arte, della musica e dello spettacolo.

I loro successi

E' LA PIOGGIA CHE VA (1966)

Sotto una montagna di paure e di ambizioni,  c'è nascosto qualche cosa che non muore
Se cercate in ogni sguardo, dietro un muro di cartone, troverete tanta luce e tanto amore
Il mondo ormai sta cambiando e cambierà di più      Ma non vedete nel cielo quelle macchie di blu
È la pioggia che va, e ritorna il sereno   Quante volte ci hanno detto sorridendo tristemente
le speranze dei ragazzi sono fumo  Sono stanchi di lottare e non credono più a niente   proprio adesso che la meta è qui vicina  Ma noi che stiamo correndo avanzeremo di più
Ma non vedete che il cielo  ogni giorno diventa più blu  È la pioggia che va, e ritorna il sereno.
Il denaro ed il potere sono trappole mortali  che per tanto e tanto tempo han funzionato
Ma, noi non vogliamo cadere   non possiamo cadere più giù  Ma non vedete nel cielo  quelle macchie di azzurro e di blu È la pioggia che va, e ritorna il sereno...............

ASCOLTA NEL VENTO (1966)

IO VIVRO' SENZA TE (1968)

LASCIA L'ULTIMO BALLO PER ME (1968)

PIANGI CON ME (1966)

CHE COLPA ABBIAMO NOI (1966)

C'E' UNA STRANA ESPRESSIONE NEI TUOI OCCHI (1966)

UN'ANIMA PURA (1964)

BISOGNA SAPER PERDERE

CERCATE DI ABBRACCIARE IL MONDO COME NOI

ECCOLA DI NUOVO

 

Condividi l'articolo su...

FacebookMySpaceTwitterDiggGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

Multimedia

Seguici anche su...

Banner
©Comirap 2012. Direttore editoriale Alberto Bordi, Webmaster Massimo Geria