Seleziona la lingua

Italian English French German Greek Portuguese Spanish

Giovedì 26 aprile alle ore 14.45, alla Sala Conferenze del Viminale, proiezione del film Almanya – La mia Famiglia va in Germania di Yasemin Samdereli PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Aprile 2012 11:48

L'iniziativa fa parte del programma culturale realizzato dalla associazione culturale Prometeo Ricerca - Dipartimento Cinema. Una tragicommedia dell'immigrazione che vede protagonista una famiglia emigrata in Germania (Almanya) dalla Turchia negli anni sessanta e giunta oramai alla terza generazione

AlmanyaLa dottoressa Claudia Piperno, responsabile del Dipartimento Cinema dell'associazione culturale Prometeo Ricerca procede con l'attività di programmazione cinematografica anche nel periodo compreso tra "liberazione" e "festa dei lavoratori". Infatti, nel bel mezzo di queste importanti festività, viene proposta, Giovedì 26 aprile alle ore 14.45, nella Sala Conferenze del Viminale, la pellicola Almanya – La mia Famiglia va in Germania di Yasemin Samdereli, una commedia datata dicembre 2011 prodotta in Germania per la Teodora film.

Protagonista del film è la famiglia Yilmaz, emigrata in Germania dalla Turchia negli anni ’60 e giunta ormai alla terza generazione. Dopo una vita di sacrifici, il patriarca Hüseyin ha finalmente realizzato il sogno di comprare una casa in Turchia e ora vorrebbe farsi accompagnare lì da figli e nipoti per risistemarla. Malgrado lo scetticismo iniziale, la famiglia al completo si mette in viaggio e alle nuove avventure nella terra d’origine si intrecciano i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania (Almanya in turco), quando la nuova patria sembrava un posto assurdo in cui vivere. Lungo il tragitto, però, vengono a galla molti segreti del passato e del presente e tutta la famiglia si troverà ad affrontare la sfida più ardua: quella di restare unita…

 

Condividi l'articolo su...

FacebookMySpaceTwitterDiggGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

Multimedia

Seguici anche su...

Banner
©Comirap 2012. Direttore editoriale Alberto Bordi, Webmaster Massimo Geria