Emergenza COVID19. Emesso dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco - Comando Provinciale di L'Aquila - un vademecum per il corretto utilizzo delle mascherine Stampa
Sabato 21 Marzo 2020 07:46

 

 

Il documento predisposto da un’agenzia formativa accreditata della regione Piemonte, fa chiarezza  sull'uso, in ambito lavorativo e non, di uno strumento di protezione che fin dai primi segnali del contagio, è stato oggetto di valutazioni contrastanti.

 

 

 

Mascherine sì mascherine no, mascherine fondamentali, mascherine inutili, indisponibilità di mascherine e milioni di mascherine in arrivo,  mascherine fatte in casa, industriali, chirurgiche, FFP, quali da utilizzare dalle persone comuni, quali da utilizzare in ambito sanitario, il caos mediatico fino ad oggi ha creato dubbi ed incertezze su tutti i fronti.

A far chiarezza sul tema, per nulla trascurabile nel contesto che stiamo vivendo, ecco un opuscolo che  ne spiega le varie tipologie ed individua i soggetti che non devono utilizzare le FFP2 ed FFP3 con valvole e chi invece ne deve fare uso in modo scrupoloso.

-------------------


MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 20 marzo 2020 Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. (20A01797) (GU Serie Generale n.73 del 20-03-2020)

 

Sintesi:

a) e' vietato l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville,  alle aree gioco e ai giardini pubblici;

b) non e'  consentito  svolgere  attivita'  ludica  o  ricreativa all'aperto;  resta  consentito  svolgere  individualmente   attivita' motoria in prossimita' della propria abitazione, purche' comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;

c) sono chiusi gli esercizi di  somministrazione  di  alimenti  e bevande, posti all'interno delle  stazioni  ferroviarie  e  lacustri, nonche'  nelle  aree  di  servizio  e  rifornimento  carburante,  con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto  da  consumarsi  al  di  fuori  dei  locali; restano aperti quelli siti negli  ospedali  e  negli  aeroporti,  con obbligo di  assicurare  in  ogni  caso  il  rispetto  della  distanza interpersonale di almeno un metro;

d) nei giorni festivi e prefestivi, nonche' in quegli  altri  che immediatamente precedono o  seguono  tali  giorni,  e'  vietato  ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella  principale,  comprese le seconde case utilizzate per vacanza.