Seleziona la lingua

Italian English French German Greek Portuguese Spanish

Auguri de Natale (Il nome del poeta romano è Scojo) PDF Stampa E-mail
Sabato 22 Dicembre 2018 20:03

 

 

Tutti incazzati come iene,

facce scure e musi duri,

avviliti da centomila pene,

eppure pronti a fa' li auguri.

 

 

 

 

Una stretta  de mano o un abbraccio,

questo capita pe'strada, è normale,

mejo copri' li guai che vivi co 'no straccio

d'altra parte stamo a Natale.

 

A dicembre tanta robba da paga',

manca il lavoro e nun ce sono sordi,

non è proprio aria de festeggia'

con  supercene e coi bagordi.

 

Il bue e l'asinello da un pezzo nun li vedo,

il gatto e la volpe stanno invece sempre attorno,

altro che tutti più buoni, nun ce credo,

nun è più come 'na vorta sto santo giorno.

 

Condividi l'articolo su...

FacebookMySpaceTwitterDiggGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

Multimedia

Seguici anche su...

Banner
©Comirap 2012. Direttore editoriale Alberto Bordi, Webmaster Massimo Geria