Seleziona la lingua

Italian English French German Greek Portuguese Spanish

Quarta conferenza a Sacrofano di Alberto A. Bordi, in questa occasione incentrata su un tema particolarmente originale, come "le case parlanti di Roma" PDF Stampa E-mail
Lunedì 22 Novembre 2021 12:59

 

L'evento, ospitato dalla associazione culturale "Amici di Sacrofano", si è tenuto sabato 20 novembre presso la sede di via Monte Caminetto 45. Nel corso di una sorta di passeggiata virtuale per strade e vicoli della città eterna, l'Autore dell'omonimo libro, ha illustrato le "pillole di filosofia in lingua latina" incise sulle facciate degli edifici privati dell'Urbe, come si legge nel sottotitolo della sua pubblicazione.

 

Nel corso dell'incontro, il dottor Bordi ha presentato e commentato circa 80 slide aventi ad oggetto edifici romani che presentano iscrizioni latine particolarmente interessanti, soffermandosi su profili storico letterari riguardanti sia il periodo di proliferazione di tale tendenza (dal 1870 al 1950 circa) e sia sugli autori della latinità dalle cui opere sono tratti gli aforismi e gli adagi considerati nei passagi di una conferenza che ha letteralmente magnetizzato l'attenzione, per oltre un'ora e mezza, della platea presente.

Dopo la passione per il latino, celebrata con il libro LATINORUM e la scoperta dell'etimologia, vissuta con la pubblicazione intitolata IL PIACERE DELL'ETIMO, la trilogia classica dello scrittore romano si chiude proprio con LE CASE PARLANTI DI ROMA, un' opera dedicata alla contemplazione della epigrafia latina negli edifici laici e privati della città eterna.

Roma, è noto a tutti, può definirsi un museo a cielo aperto, tante sono le bellezze daammirare anche nel corso di una semplice girovagare. Per gli amanti del latino, poi, la città eterna è davvero un libro da sfogliare e le pagine sono le pareti stesse dei palazzi che si incontrano, i quali, apparentemente muti, offrono sprazzi di saggezza millenaria attraverso scritte ed aforismi incisi nella lingua di Cicerone. E quante verità, quanta filosofia e quanta storia dietro quelle incisioni, talvolta non distanti da insegne pubblicitarie moderne dai contenuti ben più prosaici ed effimeri! Si tratta di messaggi epigrafici, di iscrizioni sintetiche, che si caratterizzano per essere incise sulla pietra, sul marmo o su altri materiali duri con l'intento di essere durevoli nel tempo.

Le scritte, pur nella loro espressione sintetica, riportano concetti profondi, spunti filosofici, esortazioni morali o sollecitazioni comportamentali, coniati duemila e più anni fa da illustri personaggi della latinità come Orazio, Seneca, Sallustio e tanti altri. Molti degli adagi visibili ancora nell'Urbe del terzo millennio sono infatti estratti dalle opere di queste figure fondamentali nella storia letteraria dell'umanità, che hanno in comune una grande conoscenza dell'animo umano, con il connesso bagaglio di virtuosismi e di debolezze che caratterizzano ancora oggi le nostre esistenze.

Il metodo. Volutamente nella pubblicazione non sono state considerate le frasi latine riportate nelle chiese ma solo quelle presenti su edifici laici. Non sono state prese in esame neanche le  tante targhe, edicole, statue e fontane rinvenibili nella città eterna, spesso impreziosite da frasi interessanti.

L'indice sintetizza al meglio i contenuti della pubblicazione, che è volutamente "vulgata" ossia resa fruibile a tutti ed alleggerita rispetto alla stesura originaria, decisamente più impegnativa. Dopo la canonica introduzione, seguita dalla spiegazione dell'epigrafia e dell'uso del latino sugli edifici contemplati, in dieci capitoli sono individuati altrettanti percorsi in quartieri e rioni della città eterna in cui è possibile incontrare le incisioni, ma starà al lettore individuarne di nuove ed annotarle sulla pagina dedicata (la 127). Un capitolo è poi dedicato alle iscrizioni in lingua italiana, un altro alle case  romane di uomini illustri, un altro ancora alle meridiane e quello finale agli epitaffi, dopo aver richiamato gli autori dalle cui opere sono tratti i brocardi qui puntualmente tradotti e spiegati.

Alberto Alfieri Bordi: romano da sette generazioni, viceprefetto, scrittore e giornalista da oltre venti anni, dopo le esperienze di direttore commerciale e di procuratore legale, si è occupato, nel corso della sua lunga carriera al servizio dello Stato,  di varie attività giuridico-amministrative, come il  controllo di legittimità costituzionale delle leggi regionali, i giudizi sui ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica, le procedure in tema di antiracket ed antiusura, di beni confiscati alla mafia, di assegni a vuoto, ricoprendo, sul fronte immigrazione, il ruolo di rappresentante dell'Italia per l'EMN (European Migration Network) presso la Commissione europea, organizzando numerose conferenze con gli esperti del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Esperto di comunicazione, ha collaborato con numerose riviste ed ha contribuito alla realizzazione del portale internet del ministero dell'Interno; ha scritto, per Il Sole 24Ore, insieme a Maria Virginia Rizzo, il libro "Alla ricerca del sito perfetto", vincitore del premio Euromediterraneo 2009.

OPERE DELLO STESSO AUTORE: De fossilibus - gasteropodi e lamellibranchi di un milione di anni fa; Il mare degli dei - appunti di viaggio nella terra di Odisseo; Viaggio nei ristoranti romani (guida) - consigli per chi mangia all'ombra del cupolone (1981); Omfalòs (poesie) per il mondo che continuerà a girare anche senza di noi ; Le risate di Margutte - barzellette di mezzanotte con gli amici del bar; Ora di cena (guida) - dove, come e cosa mangiare nella città di Lucullo (1984);  Historia casalis - vita bucolica di una famiglia romana in Sabina;  Brocardica - massimario di sentenze sulla amministrazione pubblica italiana; Menabò - tasselli di giornalismo senza regole e senza W; Zeus ol - collage di curiosità per una lettura premorfeica; Mosaici (poesie) - tre modi di scrivere le emozioni; De viris illustribus - personaggi in maschera davanti allo specchio; La luna in tasca – miscellanea di cose che profumano di buon umore; Occhi di gatto (poesie e canzoni) - note e sentimenti in corsa; Via del corallo - i racconti del vecchio quartiere; Buzzing bee - incroci d'arte; Malacologia iconica - il mondo affascinante delle conchiglie; Osteria del tempo perso (guida) - il piacere della buona tavola nei vicoli di Roma (1989);  Sulle tracce di Apicio (guida) - 131 indirizzi di trattorie e pizzerie da tenere in tasca (1990); Codice regionale - analisi sistematica della legislazione della regione Lazio; Il difensore civico in Italia - un ombudsman a tutela dei cittadini contro la P.A; L'autodichia parlamentare - la giustizia interna per i dipendenti di Camera e Senato; La comunicazione istituzionale sul​ web (Edizioni Il Sole24ORE) - dinamiche organizzative, professionalità e criticità alla ricerca del sito perfetto;  Potamopoli - una favola per l'Europa; PREFETTURE SUL WEB, DAL BENCHMARKING ALLE BEST PRACTICES - Indagine ricognitiva sullo stato di salute del siti internet delle Prefetture italiane. Utilizzati 26 pattern di valutazione, espressi oltre 2000 giudizi e realizzati circa 110 grafici sinottici. Latinorum - espressioni latine usate ed abusate da giuristi e burocrati di ogni tempo. Conchiglie, sculture del mare - incontri e curiosità nel Mediterraneo. De gustibus, pranzo e cena a due passi dal Viminale   - passeggiata enogastronomica in compagnia di santi, artisti e imperatori; Sacro e Profano, da Antigone a Sorayama fino all’Acrostico 49 - articoli curiosi, appunti di viaggio, racconti  estemporanei, recensioni su arte e   spettacolo; Photophilia, to wander wondering, personale di immagini fotografiche. Il piacere dell'etimo, alla scoperta dell'origine delle parole. Le formule giuridiche nel cassetto, insieme alla figlia Valeria Bordi, un manuale "per conoscere il latino ed i latinismi degli avvocati". Le case parlanti di Roma,pillole di filosofia in lingua latina sugli edifici dell'Urbe. Le chiese romane del Fondo Edifici di Culto ( Opus 33 - anno 2020).

 
©Comirap 2012. Direttore editoriale Alberto Bordi, Webmaster Massimo Geria