Dulcis et salsus in fundo. Il 31 maggio presso la sede dell’associazione Amici di Sacrofano va in scena “la gara delle torte” PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Maggio 2014 05:54

 

La giuria, di cui fa parte anche l’insegnante di cucina italiana Rita Calvo, premierà sia la torta più buona e sia la torta più bella

 

 

Questa volta l’associazione AMICI DI SACROFANO non propone un tema culturale o scientifico ma  un evento che ha radici lontane nel tempo e presente ancora oggi in ogni casa. Parliamo della GARA DELLE TORTE, sia dolci che salate, che poi con la cultura e con la scienza ha molto a che vedere, perché realizzare una buona torta significa conoscere e dosare diversi ingredienti in modo scientifico quasi alchemico, anche sotto il profilo scenografico.

E poi la cucina è cultura perché incide profondamente nella storia antica e quotidiana  di un popolo, di un

paese, di un rione, perfino di una singola famiglia. Ed allora benvenuta questa iniziativa che mette insieme tradizione e creatività innovativa, deliziando i fortunati assaggiatori, primi tra tutti i componenti della giuria, di cui fa parte anche Rita Calvo, insegnante di cucina italiana e curatrice di una rubrica che dedica grande spazio ed attenzione proprio al pianeta delle torte. Per la partecipazione è stato redatto un apposito regolamento che disciplina anche la premiazione che avverrà nella giornata del 31 maggio 2014 intorno alle  ore 19.30 presso l’Antico frantoio di Sacrofano.