Seleziona la lingua

Italian English French German Greek Portuguese Spanish

Presentata al Teatro degli Audaci la stagione 2019-2020: anche quest'anno platea esaurita in ogni ordine di posti per assistere alle anticipazioni degli spettacoli in programmazione (dal nostro inviato Alberto Bordi) PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Settembre 2019 20:18

 

 

Il direttore artistico Flavio De Paola, attore e regista, oltre che motore della vita artistica nella bomboniera di via Giuseppe De Santis, promette un carnet di spettacoli per tutti i gusti

 

Il sito del Teatro degli Audaci.

Non è certo una sorpresa l'atmosfera calda ed intima del teatro degli Audaci, che il pubblico, vecchio e nuovo, mostra di apprezzare; non è una sorpresa neanche il motto che "il teatro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei sogni" coniato per la nuova annata ed in piena sintonia con la filosofia di questa realtà artistica oramai adulta e giunta alla settima edizione.

Ad aprire la serata una brillante Alessandra Lembo (in scena dal prossimo 21 settembre) che, accompagnata da due esperti maestri alla chitarra, ha interpretato un brano di Mina, uno dei tanti che proporrà al pubblico, insieme ad alcune canzoni tratte dal repertorio di Lucio Battisti. A prendere per intero la scena è stato poi il ciclone Martufello che, tra una battuta ed una barzelletta,  ha anticipato alla platea i contenuti della commedia  "L'imbianchino", che lo vedrà protagonista dal 16 al 26 aprile 2020 insieme a due "spalle" del calibro di Manuela Villa e Nadia Rinaldi. Ci sarà da ridere e da cantare...

A seguire Francesco Brachetti, cui è spettato l'onere e l'onore di presentare due commedie, di cui è regista e protagonista, la prima, "Diario di Adamo ed Eva" di Mark Twain, in cartellone dal 5 al 6 ottobre 2019, in compagnia di Barbara De Rossi e la seconda, "Parlami d' amore", di Philippe Claudel, in compagnia di Nathalie Caldonazzo, dal 10 al 20 ottobre.

Una commedia divertente e profonda al tempo stesso sarà sicuramente "Oh Dio mio" della israeliana Anat Gov; lo assicura, direttamente dal palcoscenico, la protagonista Miriam Mesturino, che rivestirà la parte di una psicologa atea alla ricerca della fede, madre single di un bambino autistico; un giorno, nel suo studio,  riceverà un paziente davvero particolare, onnipotente ma depresso e malato da oltre duemila anni; si tratta di Dio in persona, interpretato dal novantunenne Piero Nuti che farà sentire la sua potente voce fino all'ultima fila del teatro dal 24 al 27 ottobre 2019.

Questo in programma è anche il cartellone della "svolta musicale", che non potrà che fare bene al teatro, ed ecco allora "Volare" dal 6 al 9 febbraio 2020, omaggio musicale di Gennaro Cannavacciuolo dedicato al grande Domenico Modugno. Dal 7 al 10 novembre il teatro degli Audaci accoglierà la personalità affascinante, complessa e controversa di una artista senza confini come Dalida, interpretata dalla bionda  Carol Lauro che, in "Je suis toutes les femmes", offrirà al pubblico romano uno spaccato del suo talento di interprete e di cantante versatile.

La carrellata musicale proseguirà con la esibizione di un gruppo collaudato come la NEACO - Neapolitan Contamination che si esibirà  dal 5 all'8 dicembre di quest'anno, come anticipato, con tipico calore partenopeo, da Luigi Carbone, componente di rilievo della prestigiosa band. Di sicuro successo sarà anche  "Il re della foresta" di Mark Twain, in cartellone dal 30 gennaio al 2 febbraio 2020, versione per adulti della omonima rappresentazione che allieterà i bambini (con genitori e nonni al seguito) che avranno ben 12 storie teatrali da vedere nei sabati (ore 16.30) e nelle domeniche (ore 11) a loro dedicate. Andrea Rivera, con la sua incontenibile vena umoristica, si occuperà degli spettatori presenti in sala nei giorni dal 26 marzo al 5 aprile 2020, grazie a "Nonsense de me", ennesima rappresentazione carica di buon umore e di spunti di vita quotidiana.

Ed il teatro più impegnato? Non manca davvero e fa bene De Paola a sottolineare il valore dei monologhi, che non sono noiosi ed hanno invece la prerogativa di arricchire l'animo dello spettatore. In "Novecento" di Alessandro Barricco, il direttore del teatro sarà in scena dal 5 al 15 marzo 2020, mentre in "Aspettando Godot", capolavoro di Samuel Beckett, dal 30 aprile al 3 maggio, De Paola sarà affiancato da tre attori della compagnia degli Audaci.

Dopo i successi dell'anno passato, torna, dal 31 ottobre al 3 novembre 2019, Neil Simon con "I geni della biro", alias Andy e Norman, una commedia cult interpretata da De Paola, Gianluca Delle Fontane e Giulia Di Turi, nelle vesti della giovane atleta americana per intenderci. Grande attesa c'è pure per "Call center 3.0" che vede un parterre di tutto rispetto con Franco Oppini, Milena Miconi, Luca Capuano, Karen Proia, Pietro Genuardi e Cecilia Taddei. Il mese di Febbraio del nuovo anno (dal 13) fino all'1 marzo, vedrà la riproposizione di "Rumori fuori scena", la commedia esilarante di Michael Frayn, divenuta un must imperdibile per gli amanti del teatro vivace.

"Amici per la pelle" metterà insieme, dal 14 novembre all'1 dicembre 2019, due grandi dello spettacolo, come Rodolfo Laganà e Massimiliano Wertmuller, che nella serata di anticipazione hanno salutato con un video il pubblico accorso, nella convinzione di poter offrire serate speciali nel segno del divertimento. Dulcis in fundo, dal 7 al 24 maggio 2020, andrà in scena "La vera storia di Strampelli e Vinile", una piece scritta e diretta dagli incontenibili Attilio Fontana e Mauro Reggente, gli stessi che 7 anni fa si esibirono in occasione della prima stagione del teatro di via De Santis. Quell'anno complessivamente il Teatro degli Audaci ospitò 5000 spettatori; nella stagione appena terminata gli spettatori sono stati 18.000. Un successo sognato, voluto, sudato e meritato. Ad meliora !

La presentazione della stagione  2018-2019

 

Condividi l'articolo su...

FacebookMySpaceTwitterDiggGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinMixx

Multimedia

Seguici anche su...

Banner
©Comirap 2012. Direttore editoriale Alberto Bordi, Webmaster Massimo Geria