C'è un ministero lontano da scartoffie e burocrazia PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 10 Febbraio 2010 00:00

E' quello della Pizza in via dei Campani 65 a San Lorenzo. La cucina è calabrese e qui il direttore generale si chiama ‘nduja. Di Valeria Bordi

Ministero della pizzaC’è quello degli Esteri, quello dell’Interno, della Pubblica Istruzione, dell’Economia e Finanza ma il più apprezzato dai cittadini romani è quello che sta in via dei Campani 65 a San Lorenzo ed è il Ministero della Pizza, una vera e propria istituzione che chiude solo il lunedì.

Le tre E di efficienza, efficacia ed economicità qui le puoi trovare davvero!!!!

In questo dicastero dai buoni profumi potrete scegliere tra una quarantina di tipi di pizza ma quella piu caratteristica è quella affumicata (pomodoro, mozzarella, scamorza e prosciutto crudo) che se la gioca alla pari con quella calabrese (pomodoro, mozzarella, sardelle, capperi e olive). Eh già, perché qui il ministero è di impronta calabrese: difficile resistere agli stuzzicanti salami e funghi della Sila, alla rara sardella (che fa bere un bel pò!), alle ricette ioniche a base di pesce ed ai celeberrimi medaglioni di pasta fresca, tonno e ruchetta impreziositi dallo stemma del Ministero. Ottimi anche i primi piatti, speciale il salmone marinato. Atmosfera simpatica ed informale. Strepitose le polpette alle melanzane tipiche della zona orientale della Calabria. Da considerare, ovviamente, ‘nduja e mozzarella. Molto buono il rapporto qualità-prezzo; consigliata la prenotazione (Tel: 06/490217). Si spende dai 17 ai 30 euro. Una sessantina i coperti in un locale al quale il proprietario Maurizio Scaglione ha voluto dare un tocco di mediterraneo con pareti giallo arancio e pavimento a quadri.

Cos'è la nduja? La nduja è uno dei piu famosi, se non il più famoso, tra i prodotti alimentari tipici calabresi. La nduja (attenzione: nduja, non nduia!) è un salame morbido, spalmabile, piccantissimo. E' tipica del Monte Poro: Spilinga è il comune d'elezione, ma l'area di produzione è estesa a molti comuni del vibonese. Il nome nduja deriva dal francese "andouille", che vuol dire "salsiccia". Non è tuttavia una salsiccia, per quanto possa assomigliarci. La nduja è fatta con carne di maiale, un pò di grasso, e molto peperoncino piccante. Ed è proprio per l'abbondante peperoncino che la nduja è molto piccante. Non a caso qualcuno potrebbe preferire una versione "light". La nduja ha un colore tendente al rosso - neanche a dirlo - dovuto alla presenza del peperoncino, e una consistenza che neanche dopo la stagionatura diventa dura. E' quasi superfluo sottolineare come la nduja, grazie al gusto squisito e al piccante dovuto a tanto peperoncino, viene da alcuni considerata afrodisiaca. Si può anche essere scettici al riguardo, ma sicuramente la nduja ha benefici effetti sul sistema cardiocircolatorio.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Novembre 2012 12:45